Newsletter n. 6

Scuola di Lingua italiana per Stranieri
Università degli Studi di Palermo

Newsletter n. 6 – Gennaio 2015

IN EVIDENZA

ASSEGNATO IL LABEL EUROPEO DELLE LINGUE AL MASTER UNIPA DI II LIVELLO

MINORI

Il Profilo professionale “Docente di italiano come lingua seconda a minori stranieri non accompagnati: una competenza didattica finalizzata all’inclusione sociale” è risultato vincitore del “Label per le lingue”, la certificazione di eccellenza assegnata dall’Unione Europe ai percorsi più innovativi nel campo della formazione linguistica e dell’insegnamento delle lingue. Il programma fa parte del Master di II livello in “Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera, a.a. 2012-2013, a cui la nostra Scuola collabora.
Le lezioni della nuova edizione del Master inizieranno a gennaio. Per l’occasione, è stata creata una piattaforma interattiva con un blog che accoglierà le esperienze degli studenti e diversi interventi di docenti ed esperti, elementi preziosi per chi è interessato al mondo della didattica dell’italiano. Per scoprire il nuovo spazio web si può visitare il sito www.masteritalianostranieri.com

AL VIA LA WINTER SCHOOL 2015 DI ITASTRA 

winter 2015

Dopo una Summer School lunga come l’estate di Palermo, torna la nuova edizione della Winter School che riproporrà alcune delle esperienze già sperimentate durante i mesi estivi. Non mancheranno, infatti, le passeggiate “Street Food” (guarda le foto) per le strade antiche di Ballarò con la docente Miriam Mesi, o tra i tesori artistici di Palermo.
L’appuntamento con i nuovi corsi intensivi di lingua e cultura italiana è fissato nei mesi di febbraio e marzo 2015. Quattro settimane divise in due moduli per scoprire tutti i volti di una Palermo capitale del Mediterraneo. Scarica e leggi la brochure (versione italiana – versione inglese).

CORSI 

Arriva il blog “Gli studenti di ItaStra”

blog

Raccontare il lavoro svolto in aula ma anche per le strade di Palermo, accompagnati da docenti e tutor alla scoperta dall’arte e della cucina locale. Raccontare il primo approccio con la cultura e la lingua italiana. Raccontare perché hanno scelto di studiare la nostra lingua, a Palermo, e cosa sognano di poter realizzare nel loro futuro. Queste e tante altre esperienze (come foto, video e documenti) saranno inserite nel blog appena inaugurato “Gli studenti di ItaStra”. Un luogo dove i nostri corsisti, provenienti da tutte le parti del mondo, potranno scambiare opinioni e condividere le proprie esperienze e i risultati ottenuti. Per saperne di più www.italianlanguageschoolpalermo.wordpress.com

Continuano gli esami per conseguire la Certificazione di Italiano come Lingua Straniera

cils

La nostra Scuola continua ad essere sede ufficiale dell’esame Cils, Certificazione di Italiano come Lingua Straniera rilasciata dall’Università per Stranieri di Siena (UniStrasi). ItaStra è infatti l’unica struttura della città accreditata con UniStrasi in cui si tengono regolarmente le varie prove.
All’ultimo esame dell’anno hanno partecipato anche numerosi studenti cinesi della Sisu (Sichuan International Studies University) in soggiorno di studio a Palermo grazie all’accordo di mobilità siglato tra le due università e ItaStra nel 2011. Dopo aver seguito apposite lezioni e simulazioni d’esame con i docenti esperti della nostra Scuola, gli studenti cinesi hanno potuto affrontare le prove di livello B2 e C1.
I prossimi esami si terranno il 26 febbraio (A1 e A2 Integrazione in Italia) e occorrerà iscriversi entro i 30 giorni precedenti alla prova.
Per maggiori informazioni, per conoscere tutte le date e per iscriversi ai corsi di preparazione basta inviare una email a scuolaitalianostranieri@unipa.it con oggetto “Esame Cils”.

PROGETTI PER L’INTEGRAZIONE

Giovani migranti, alunni della Scuola, attori per un corto autobiografico

trip

Sono storie drammatiche. Storie di sopravvivenza, di lotta e di resistenza. Storie di giovani adolescenti che hanno osato sfidare la furia del mare pur di approdare sulle coste della Sicilia, alla ricerca di un mondo nuovo. Tutte queste esperienze sono state raccolte in un video che è stato presentato in anteprima il 19 ottobre alla Real Fonderia della Cala in apertura del pomeriggio “L’isola che (non) c’è”. L’evento è stato realizzato dalla Scuola di Lingua italiana per Stranieri all’interno del Festival “Le Vie dei Tesori” ed è stato interamente dedicato ai giovani con lo status giuridico di “minori non accompagnati.” Si tratta di ragazzi che sono fuggiti da paesi dove la loro vita quotidiana si intrecciava con la miseria, la guerra e la violenza e che sono giunti in Italia da soli, senza parenti e senza amici. Nelle aule della Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo, dove hanno seguito corsi di italiano e di teatro, questi ragazzi hanno raccontato il loro viaggio attraverso il Mediterraneo, che per loro è stato drammatico, per altri un viaggio di non ritorno.
Per l’occasione sono stati seguiti da Yousif Latif Jaralla, narratore e regista iracheno che ha proposto in Italia numerosi lavori legati alla tematiche della guerra, della situazione dell’Iraq del dopo Saddam e delle condizioni del Sud del mondo. Attraverso il mimo hanno rappresentato i loro barconi pieni d’acqua, che rischiavano di affondare, e le lotte per un sorso d’acqua. Il tutto è stato racchiuso in un video, di cui è stato proiettato il trailer. Subito dopo la performance multimediale, frutto di due anni di percorsi di inclusione linguistica realizzati della Scuola, la parola è passata a istituzioni, docenti e operatori delle comunità di accoglienza che hanno ragionato insieme sul presente e sul futuro dei ragazzi e delle ragazze che vengono in Italia da soli. Il tutto è stato accompagnato dall’allestimento di una mostra fotografica di Antonio Gervasi, “ A – Tratti”, con portrait di minori che hanno frequentato i corsi di teatro.
Guarda le foto della giornata.
Video: Butterfly Trip – il Trailer  – il backstage/ Minori non accompagnati a Scuola di Italiano

“I saperi per l’inclusione”
Il progetto per 100 donne immigrate con corsi di lingua, taglio e cucito

taglio

Come già annunciato nel mese di luglio, la Scuola di Lingua italiana per Stranieri è l’unica struttura universitaria ad aver ottenuto nel 2014 il finanziamento di un progetto dal Fei – Fondo Europeo per l’Immigrazione. Grazie a questo importante risultato, cento donne straniere che vivono a Palermo (tra cui 50 vittime ed ex vittime della tratta) hanno già iniziato a frequentare gratuitamente e per un anno le aule della Scuola per seguire corsi di italiano, di taglio e cucito, di gestione di strutture di accoglienza, di salute del bambino e di educazione civica. Per presentare alle fruitrici del progetto il nuovo percorso formativo loro rivolto e per far conoscere questo importante risultato alla città e alle istituzioni, il 24 ottobre la Scuola ha organizzato il pomeriggio “Latte, libri, lingue, legalità, lavoro: le cinque elle del progetto I Saperi per l’Inclusione,” dedicato al mondo dei figli delle donne immigrate, al tema della tratta e alle ninne nanne da tutto il mondo. Nel Complesso di Sant’Antonino, così, si sono date appuntamento tutte le partecipanti del progetto, mentre i loro figli sono stati intrattenuti con attività di baby sitting organizzate dall’associazione “Le Balate”, “Incontrosenso” e “Casa di tutte le genti”, partner del progetto. Successivamente, il pubblico si è spostato nella biblioteca del Dipartimento di Scienze Umanistiche dove è stato realizzato un reading di poesie di Isoke Aikpitanyi, scrittrice ex vittima della tratta che ha portato all’Università la sua testimonianza e il racconto delle sue lotte. Il pomeriggio si è chiuso sulle note del video di Martino Lo Cascio, “Everyday capisci niente”, in cui le donne del progetto intonano ninne nanne nella loro lingua madre. Prima della proiezione del filmato, realizzato all’interno del progetto “Not(t)e d’oro,” donne e bambini hanno potuto ascoltare le dolci melodie intonate dalla cantante capoverdiana Jerusa Barros che, accompagnata dal chitarrista Lino Costa, si è esibita con ninne nanne e racconti cantati.
La giornata è stata realizzata all’interno del fitto programma di eventi del Festival “Le Vie dei Tesori.”
Pochi giorni dopo la presentazione del progetto, le donne migranti del progetto sono state ospiti dell’incontro “Poesia e vita. Confronti fra donne” inserito nel programma “Scritture migranti 4” dell’Università di Palermo. Lì hanno riproposto alcune poesie di Isoke, leggendo alcuni versi ad alta voce. Infine, tutte le partecipanti del progetto sono state invitate alla festa di fine anno della Scuola, “Natale di tutte le genti”, dove hanno anche intonato canti di natale. Le corsiste hanno portato con sè anche i loro bambini, intrattenuti in laboratori creativi dai partner del progetto.
Foto: I Saperi per l’inclusione – presentazione del progetto / Donne straniere a “Scritture Migranti 4” – Natale di tutte le genti
Video: I Saperi per l’inclusione – presentazione del progetto Everyday capisci niente

Uno sguardo all’anno appena concluso: eventi, pubblicazioni e progetti di mobilità internazionale

 PROGETTI PER L’INTEGRAZIONE 

La Scuola e il Comune insieme per una reale integrazione dei migranti di Palermo

firma

Da anni la Scuola porta avanti iniziative per l’integrazione linguistica dei migranti che vivono nella nostra città. Già nel 2012 i docenti della Scuola hanno tenuto un corso finanziato dalla Regione per donne e adulti stranieri della città e ha pubblicato il volume “StraneScuole” con tutte le attività svolte dal suo team all’interno di scuole di Palermo dove è presente un alto tasso di bambini non italofoni. Nel 2013, invece, ha iniziato ad inserire gratuitamente nelle proprie aule i “minori non accompagnati.” E a settembre, a dimostrazione della qualità dei percorsi di inclusione portati avanti, è stato firmato un protocollo di intesa tra Comune e Scuola (leggi l’articolo…)

PROGETTI DI MOBILITA’ INTERNAZIONALE

ItaStra e la Cina: 

bandi di mobilità per studenti e docenti, eventi a Palermo e in Cina  e successi riconosciuti in tutto il mondo

cina

Ancora tante novità all’interno dell’accordo di mobilità internazionale siglato nel 2011 tra l’Università di Palermo, la nostra Scuola e la Sichuan International Studies University – SISU (Chongqing, Repubblica Popolare Cinese). A quattro anni dall’avvio del progetto, continuano infatti le iniziative organizzate dalle due università coinvolte, a cui si affiancano eventi che hanno riscosso un notevole successo, sia in Italia che in Cina.
Di seguito un riepilogo di quanto realizzato in questi mesi e delle prossime iniziative.

Pubblicato il nuovo bando di selezione per studenti UniPa. Potranno studiare per sei mesi in Cina (leggi l’articolo...)

L’italiano fra passato e presente: alla SISU il seminario di Giuseppe Paternostro, ricercatore UniPa (leggi l’articolo...)

Successo degli studenti italiani in Cina (leggi l’articolo...) – I complimenti del console (leggi l’articolo...)
Guarda le foto della giornata.
Video: Studenti cinesi cantano “O Bella Ciao

L’italiano in movimento: destinazione Cina! (leggi l’articolo…)
Guarda il servizio di Tg3 e di Buongiorno Regione (Rai3)

Pubblicati i dati sul progetto di mobilità. Dopo quattro anni di incessante attività, ItaStra tira le somme sui dati e i successi dell’accordo di collaborazione. Per questo motivo è stato pubblicato sul sito della Scuola un rendiconto di quanto fatto fino ad oggi (leggi il documento integrale…). “Abbiamo detto “bilancio”, parola che rimanda a numeri – spiega Vincenzo Pinello, che ha curato la relazione. – Troverete sì dei numeri in queste pagine, ma dietro ad essi ci sono sempre ragazzi e ragazze, didattica, formazione, culture, sentimenti, emozioni, percorsi comuni e condivisi che durano anche oltre la conclusione della residenza.”

FORMAZIONE

Insegnare italiano agli stranieri: in distribuzione la nuova pubblicazione della Scuola

master

Un alto numero di presenze, il 6 ottobre, in occasione dell’incontro dedicato alle attività, alle metodologie didattiche e agli obiettivi del Master di II livello in “Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera” dell’Università di Palermo (realizzato dal Dipartimento di Scienze Umanistiche in collaborazione con la Scuola). L’evento dal titolo “Rilassati, canta, mettiti a testa in giù: stai imparando una lingua” si è svolto nella Real Fonderia della Cala ed è stato condotto da Egle Mocciaro e Adriana Arcuri, supervisori del Master, che hanno presentato in anteprima la nuova pubblicazione da loro curata e stampata all’interno della collana “Strumenti e Ricerche” della Scuola, “Verso una didattica linguistica riflessiva.” (leggi l’articolo...)

EVENTI

“Natale di tutte le genti” con ItaStra

natale

Doppio appuntamento in occasione del Natale 2014. ItaStra, infatti, è stata protagonista di due appuntamenti dedicati all’intercultura e all’integrazione. Il primo evento si è svolto il 14 dicembre quando la nostra Scuola è stata invitata alla giornata “Storie di integrazione e di accoglienza a Palermo,” promossa dall’Università di Palermo e dedicata ai diritti umani e all’inclusione sociale. La manifestazione si è svolta nel Cortile Falcone e Borsellino dell’ex Facoltà di Giurisprudenza. Durante la mattina, il direttore della Scuola Mari D’Agostino è intervenuta alla tavola rotonda “Tutela dei diritti umani e percorsi di cittadinanza: dall’accoglienza all’integrazione” per presentare il progetto Fei rivolto alle donne migranti, “I saperi per l’inclusione”. Nel pomeriggio, invece, il docente della Scuola Marcello Amoruso ha parlato del lavoro svolto fino ad oggi all’interno de “L’Isola che (non) c’è”, progetto rivolto ai minori migranti giunti senza famiglia sulle coste siciliane. Per l’occasione hanno preso la parola anche i giovani protagonisti del video realizzato dal regista Yousif Latif Jaralla, anche lui presente alla manifestazione. Gli incontri sono stati accompagnati dall’allestimento della mostra fotografica “A – Tratti” di Antonio Gervasi, con ritratti dei giovani migranti / studenti della Scuola.

Il 22 dicembre, invece, festa di fine anno nelle aule del complesso di Sant’Antonino con “Natale di tutte le genti”. Durante l’evento, realizzato dalla Scuola con il patrocinio del Comune di Palermo, ItaStra ha potuto mostrare a visitatori, semplici curiosi ed affezionati il lavoro svolto durante il 2014, allestendo appositi spazi dedicati ai progetti con i minori stranieri, con le donne migranti e per i loro bambini. Lo spettacolo teatrale “Il fiume d’altrove” di Jaralla ha aperto la manifestazione, che è stata arricchita anche dalle tonalità rap dei minori migranti, dai canti corali delle donne migranti e dalle melodie cinesi degli studenti della Sisu.
Guarda le foto – Natale di tutte le genti
Video: Auguri dalle donne migranti del progetto Fei – “Quei fiori” degli studenti cinesi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...