Summer School 2016

summer 2

Torna la Summer School di Itastra!
Anche per l’estate 2016 la Scuola di Lingua italiana per Stranieri ha previsto un ricco programma di corsi intensivi, per studiare la lingua italiana nella splendida cornice della città di Palermo.
Come ogni anno, alle lezioni in classe si accompagneranno attività opzionali fuori dall’aula che permetteranno agli studenti di conoscere meglio il territorio siciliano e approfondire aspetti fondamentali della cultura italiana come la cucina, il cinema e l’opera.
Per avere maggiori informazioni, consulta la brochure:

Brochure Summer school 2016

Brochure Summer school 2016_Cinese version

Brochure Summer school 2016_English version

sisu bando 2016

STUDIARE IN CINA CON BORSA DI STUDIO. AL VIA LA SELEZIONE DI 15 STUDENTI UNIPA PER UNA RESIDENZA DI LINGUA CINESE

Nuova opportunità, con borse si studio, per tutti gli studenti dell’Università di Palermo che vogliono arricchire il proprio percorso universitario con un’importante esperienza in Cina.Anche quest’anno, infatti, l’Università di Palermo offre ai suoi studenti la possibilità di trascorrere il secondo semestre del corrente anno accademico presso la Sichuan International Studies University – SISU (Chongqing). Gli studenti potranno così avvicinarsi alla lingua e alla cultura cinese e acquisire CFU che verranno riconosciuti dall’Ateneo di Palermo. Il bando di selezione è promosso nell’ambito dell’Accordo di Mobilità Internazionale UniPa/Università SISU di Chongqing.

Le borse di studio
Quindici le borse di studio messe a disposizione dall’Ateneo di Palermo, cinque in più rispetto allo scorso anno, del valore di 800 euro ciascuna, che permetteranno agli studenti di coprire il costo del biglietto aereo. A questo incentivo si aggiunge la possibilità di accedere ad altre borse di studio erogate dall’università accogliente, dal valore mensile di 1000 yuan ciascuna, consentendo così ai beneficiari di avere vitto e alloggio gratuiti. Questa ulteriore opportunità è stata riconosciuta dall’università partner dopo aver constato il successo, l’eccellenza formativa e gli importanti traguardi raggiunti dagli studenti durante le passate edizioni dei bandi di mobilità.
Ulteriori agevolazioni sono previste per gli studenti UniPa che si classificheranno tra i primi sei posti della graduatoria. Per loro è previsto, infatti, l’esonero dal pagamento della tassa di frequenza alla Sisu. Grazie a questa agevolazione, essi dovranno versare solo una piccola tassa di registrazione.
Inoltre, tutti gli studenti in graduatoria potranno usufruire, oltre che della borsa di 800 euro che verrà erogata a tutti e quindici i vincitori, anche di un rimborso delle spese sostenute durante la residenza di studio.

Il successo dell’edizione precedente (febbraio – luglio 2015)
18 mila euro per borse di studio e rimborsi spese: è la somma già erogata dall’Università di Palermo agli undici studenti UniPa che hanno preso parte alla residenza di studio presso la Università SISU durante l’anno accademico appena concluso.
Gli studenti hanno raggiunto ottimi risultati  nella certificazione Hsk (standard internazionale conoscenza lingua cinese). Inoltre, hanno superato complessivamente ben 44 esami in lingua cinese, per un totale di 220 crediti che sono stati riconosciuti dall’ateneo di Palermo. A ciò si aggiunge la partecipazione ad attività culturali, ad eventi formativi e ricreativi promossi a Chongqing anche in aziende italiane di prestigio.

Il viaggio continua
Il viaggio in Cina degli studenti Unipa, quindi, continua anche quest’anno. Nel frattempo, Palermo sta ospitando ventuno studenti cinesi, che hanno partecipato ai corsi intensivi e avanzati della Summer School 2015 organizzata dalla Scuola di Lingua italiana per Stranieri di UniPa. Gli studenti hanno già iniziato a frequentare i corsi universitari, al termine dei quali sosterranno i relativi esami di profitto, il cui superamento garantirà loro il riconoscimento di almeno 15 CFU ciascuno. Per sette studentesse, inoltre, il soggiorno palermitano sarà l’occasione per preparare la loro tesi di laurea sotto la guida di docenti Unipa e di facilitatori linguistici messi a disposizione dalla Scuola di lingua italiana per Stranieri e dal Master di II livello in Teoria e progettazione didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera.

Puoi scaricare bando e modello domanda di partecipazione cliccando qui.  La documentazione deve essere presentata presso la Segreteria del Dipartimento di Scienze umanistiche – viale delle Scienze, edificio 12, primo piano.
(Il bando è pubblicato anche all’Albo ufficiale di Ateneo e nel sito del Dipartimento di Scienze umanistiche)

*Nella foto: studenti UniPa alla Sisu. Insieme alle colleghe cinesi che studiano lingua italiana hanno condotto un seminario in cui mettere a confronto di sistemi di istruzione di Italia e Cina

12049297_10206041012002010_4973287823097120495_n

“Le vie dell’accoglienza” – Performance teatrale, laboratori didattici, interculturalità

9 ottobre, ore 18.00, Complesso di Sant’Antonino dell’Università di Palermo, Piazza S. Antonino 1 

Programma

Ore 18.00  

“Echi della lunga distanza. Laboratorio 2. Letture dopo lo sbarco”.  

Prodotto dei percorsi di inclusione linguistica della Scuola di Lingua italiana per Stranieri

Coordinamento artistico Yousif Latif Jaralla, Foto Antonio Gervasi

con Ama Isele, Amadou Kante, Saikou Omar Sonko, Kirolos Kamel Zaher Bebawy,

Rosemary Aiyobalor, Sadikur Rahman, Khalifa Mohammed

Ore 19.00-20.00  

“Imparare le lingue, usare le lingue”.

Laboratori di tecniche didattiche per l’apprendimento linguistico

– “Suoni in movimento. La fonetica con il teatro”, condotto da Chiara Amoruso

– “L’autobiografia linguistica come strumento di apprendimento didattico”, condotto da Laura Di Benedetto e Chiara Tiranno

– “Apprendere con il corpo: il Total Physical Response”, condotto da Fabrizio Leto e Eleonora Palmisano

Ogni laboratorio prevede un numero massimo di 20 partecipanti. I laboratori si svolgeranno in contemporanea quindi è possibile iscriversi ad uno solo di essi. Le richieste di iscrizione ai laboratori vanno inviate entro il 7 ottobre 2015 all’indirizzo masteritastra@unipa.it.

zisa

Al via le iscrizioni per i nuovi corsi di lingua e cultura italiana.

Cominceranno il 5 ottobre i nuovi Corsi Semi Intenvisi di lingua e cultura italiana, aperti a tutti gli stranieri (studenti, lavoratori ecc…) che vogliono iniziare a studiare la lingua o approfondirla.

Il corso prevede 40 ore di lezione con docenti di madre lingua specializzati nell’insegnamento dell’italiano come lingua seconda e straniera, due o tre incontri settimanali e certificato finale.
Il primo corso parità il 5 ottobre, il secondo il 16 novembre.
Per maggiori informazioni scuolaitalianostranieri@unipa.it

centro impastato

IL CENTRO IMPASTATO SPIEGA LA MAFIA A STUDENTI DI TUTTO IL MONDO

Donne, mafia e antimafia: di questo parlerà mercoledì 16 settembre Anna Puglisi, del Centro di Documentazione Giuseppe Impastato, a studenti di tutto il mondo: Cina, Russia, Giappone, Egitto, Bangladesh, Ucraina. Il seminario fa parte delle attività didattiche e formative del corso speciale avanzato della Scuola di Lingua italiana per Stranieri (ItaStra) dell’Università di Palermo. Uno dei tanti corsi, per tutti i livelli linguistici, attivati per la Summer School 2015 di lingua e cultura italiana.

Anna Puglisi, con Umberto Santino, ha fondato il Centro Siciliano di Documentazione Giuseppe Impastato subito dopo l’omicidio per mano mafiosa del giovane militante di Cinisi. Il Centro, di cui Puglisi è un esponente di punta, affronta lo studio della criminalità organizzata con un approccio rigorosamente scientifico, pubblicando saggi e volumi autorevoli e spesso tradotti nelle lingue più diffuse.

Anna Puglisi ha ricevuto nel 2008 dal presidente della Repubblica Napolitano l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per “i suoi studi e la sua attività di raccolta di testimonianze di vita, svolta soprattutto attraverso il Centro Siciliano di Documentazione, intitolato a Giuseppe Impastato, ha valorizzato il contributo delle donne nella mobilitazione antimafia”.
Continuano così  le attività targate ItaStra per far conoscere la cultura e lingua italiana, attraverso lo studio dei principali scrittori, storici ed intellettuali di Italia, ma anche di chi ha combattuto contro il fenomeno mafioso.

Un’altra attività qualificante in questo settore è il corso Italiano & Pupi Antimafia che si sta svolgendo proprio in questi gironi e durerà due settimane. Il corso, tenuto da Angelo Sicilia, coniuga lingua italiana, cultura dei pupi siciliani, storie di eroi antimafia

pupi itastra

Pupi siciliani vestiti da eroi antimafia nelle aule della Summer School

Storia dei pupi siciliani e degli eroi antimafia durante l’ultima settimana di Summer School 2015, il corso intensivo di lingua e cultura italiana organizzato, come ogni estate, dalla Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo. Nelle ultime due settimane, infatti, le lezioni mattutine dedicate alla lingua italiana e ad approfondimenti sul lessico, sulla sintassi e sulla semantica saranno accompagnate anche dal corso speciale Italiano & Pupi Antimafia.

Il laboratorio pomeridiano, condotto da Angelo Sicilia, non ha solo l’obiettivo di far conoscere ai ragazzi l’opera dei Pupi Siciliani. Perché Angelo Sicilia da diversi anni porta nelle aule delle scuole, nelle piazze e in manifestazioni pubbliche i suoi “Pupi Antimafia”. Spogliando le marionette da spade, elmi e corazze, li riveste per farli diventare Falcone, Borsellino, Padre Pino Puglisi e Peppino Impastato. In questo modo riesce a raccontare a tutti, grandi e piccoli, italiani e stranieri, la storia degli eroi antimafia.

“La Scuola ha scelto di inserire tra i propri corsi anche uno dedicato all’opera dei Pupi Antimafia per far conoscere l’altra faccia della Sicilia: una terra che non è solo mafia. Il nostro obiettivo è quello di scardinare i luoghi comuni – spiega il direttore della Scuola, la prof.ssa Mari D’Agostino. – Per questo motivo, durante ogni edizione della Summer School e anche della Winter School, i nostri studenti sono coinvolti in attività che li portano a conoscere realtà come Addiopizzo, Libera e Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato. In quest’ultimo luogo si sono recati molto spesso e hanno avuto l’occasione di incontrare e dialogare con Giovanni Impastato”.

Quest’anno al corso “Italiani & Pupi” hanno deciso di prendere parte, oltre a studenti provenienti da diversi paesi europei ed extraeuropei, anche un numeroso gruppo di studenti dell’università cinese Sisu. Iscritti al corso di laurea in lingua italiana del loro ateneo, hanno scelto di trascorrere l’estate a Palermo e hanno seguito per tre mesi le lezioni della Summer School.

“In questo modo, quando torneranno nel loro paese, potranno raccontare anche ai loro coetanei e ai loro colleghi di università le storie di lotta alla mafia”.

Oltre alle lezioni standard del mattino e agli incontri con la storia dei Pupi Siciliani e degli eroi antimafia, l’ultimo corso Summer School sarà anche dedicato al Corso Avanzato Speciale.
Già attivato durante il mese di agosto, il programma rivolto a studenti con un livello più alto di conoscenza della lingua italiana ha riscosso un notevole successo. Incontri con giornalisti, avvocati antimafia e con seminari sulla storia della Resistenza in Sicilia hanno arricchito le lezioni dedicate alla storia linguistica dell’Italia e all’analisi di testi letterari.

marcia

Gli studenti stranieri di ItaStra aderiscono alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi

In questi anni migliaia di giovani, donne, uomini, molti dei quali in fuga dalle guerre e dalla fame, tanti arrivati sulle coste italiane da soli ancora adolescenti, hanno condiviso le loro storie e le loro lingue presso la Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo.
Dentro e fuori le classi di italiano, ragazzi asiatici e africani, donne dell’Europa dell’est e rifugiati, studenti e docenti dell’Ateneo, hanno costruito insieme quel sentire comune che in questi giorni in tutta Europa sta scendendo per le strade per dire no ai respingimenti e sì all’accoglienza e alla solidarietà.

Insieme, Giovedì 10 settembre, con tanti cittadini di Palermo, cammineremo a piedi nudi in segno di solidarietà con migranti, rifugiati, richiedenti asilo, per una Europa senza muri.

Aramiso somanda 10 molu ning italian dinolu be tamma tamma na sing kenseng comeng sojaro ning immigrantollu .refegiolu. aning asilo niningkalalu.ning europ europe beh yeke kilingti

একসাথে, বৃহস্পতিবার, সেপ্টেম্বর দশ, পালের্মোর এর অনেক নাগরিকদের সাথে, দেয়াল ছাড়া একটি ইউরোপ এর জন্য , অভিবাসী, উদ্বাস্তু, শরণার্থী এর সাথে একাত্মতার প্রতীক হিসাবে নগ্নপদে পায়চারি করা হবে

Als Zeichen unserer Solidaritat mit den Migranten, Flüchtlinge, Asylanten werden wir alle zusammen am Donnerstag, dem 10 September, barfuß mit vielen Palermitanern wir werden zu Fuß

10 Eylül Perşembe günü biz Palermo’lu yurttaşlar, göçmenler, siyasi sığınmacılar, mültecilerle dayanışma içinde yürüyeceğiz. Hep beraber duvarsız bir Avrupa için çıplak ayak yürüyelim.

同时,在九月十日,星期四,我们将和众多巴勒莫市民一起赤脚行走,以示同移民的团结,以及一个无国界的欧洲。

Thursday September 10th at 7 p.m., we will walk barefoot together with many Palermitans to show our concern and solidarity towards migrants, refugees and asylum – seekers and ask fot Europe without walls.

Ngày mùng 10 tháng 9 năm 2015, cùng với rất nhiều công dân thành phố Palermo chúng ta sẽ cùng nhau đi bộchân trần như môṭdấu hiêụcủa tình đoàn kết với người dân nhâp̣cư, người tị nạn, vì môṭchâu Âu không rào chắn.

Niyandeh sappo ngel leuru settembre, minem kangu e yimbebeng ka nder palermo, be nifalen funtudeh e koingal bolo hara beh wadani padeh. Per halu e yembebeng fi godd yagal, hakunde migrati e ko dum woni yimbeh ka fala asilo, pur Europe goto hara hai goto mayani.

9月10日木曜日。パレルモ市民と共に、移民同士の団結の証として、国境なきヨーロッパのために、裸足で歩きましょう

Ensemble, Jeudi 10 septembre, avec tous les citoyenes de Palerme, nous vous promenons a pieds, un signe de solidaritè avec les immigrès, les refugés, les demandeurs d’asile, pour une Europe sans frontieres.

10 сентября, вместе с многими другими жителями Палермо, мы выйдем на марш босиком в знак солидарности с иммигрантами, беженцами и людьми, ищущими убежища, для Европы без преград.

Juntos, Jueves 10 septiembre, caminaremos descalzos, con muchos ciudadanos de Palermo, en solidaridad con los migrantes, los refugiados, los solicitantes de asilo, para una Europa sin muros.

الخميس 10 سبتمبر
جنبا إلى جنب مع العديد من المواطنين من باليرمو سنسير حفاة تضامنا مع المهاجرين و طالبي اللجوء. من اجل أوروبا بلا جدران

Link alla pagina dell’evento “ItaStra aderisce alla marcia delle donne e degli uomini scalzi”
https://www.facebook.com/events/164329020569400/

Link alla pagina dell’evento:
https://www.facebook.com/pages/Marcia-delle-donne-e-degli-uomini-scalzi-Palermo/904616626298425?fref=ts
Link all’evento:
https://www.facebook.com/events/897608040332236/

Scuola di Lingua italiana per Stranieri
Università degli Studi di Palermo
www.itastra.unipa.it
www.minorinonaccompagnatialluniversità.wordpress.com

IMG_1297

SEMINARI PER STUDENTI DEL CORSO AVANZATO – ULTIMO INCONTRO NELLA REDAZIONE DEL GIORNALE LA REPUBBLICA

Con una lezione nella redazione del quotidiano La Repubblica – Palermo si è concluso, martedì mattina, il ciclo di incontri organizzato per gli studenti del corso avanzato della Summer School 2015. Nella sede del giornale i corsisti hanno incontrato per la seconda volta Salvo Palazzolo, cronista di giudiziaria e da sempre in prima fila nella denuncia al sistema mafioso con articoli e libri sulla criminalità organizzata. Durante la speciale lezione il giornalista ha spiegato come scorrono le ore dentro la redazione, come viene diviso il lavoro tra i colleghi e come si crea un giornale. Infine ha parlato del suo lavoro, delle tante vittime della mafia e dei latitanti e processi di cui lui quotidianamente parla tra le pagine del giornale.

La lezione con il giornalista è stata organizzata all’interno del calendario di seminari curati dai docenti Vincenzo Pinello e Giuseppe Paternostro e volti a potenziare ulteriormente la conoscenza della lingua e della cultura italiana degli studenti della Summer School 2015. All’interno del corso avanzato, infatti, i corsisti hanno potuto seguire altri due incontri formativi che hanno dato un’immagine della Sicilia fuori dai soliti stereotipi, dimostrando come nell’Isola si sia combattuto e si continua a lottare contro la criminalità.

Il 19 agosto è stata organizzata una giornata dedicata all’approfondimento del fenomeno mafioso e della lotta a Cosa Nostra. Ha aperto la discussione Salvo Palazzolo con un intervento dal titolo “Il linguaggio del giornalismo e la mafia”. Subito dopo ha preso la parola l’avvocato Vincenzo Gervasi con una relazione su “Le verità nascoste ed i depistaggi: le esperienze dell’avvocato delle famiglie di Peppino Impastato di Mario Francese e nel maxi processo”. In questo modo l’avvocato ha portato in aula l’esperienza maturata in anni di lavoro come avvocato di parte civile nei più importanti processi di vittime della mafiae nei processi contro i boss Salvatore Riina e Leoluca Bagarella.

Il 21 agosto il secondo incontro si è concentrato sulla storia dei partigiani italiani e soprattutto siciliani, troppo spesso dimenticati tra le pagine dei libri di scuola. A portare in aula volti e nomi di giovani che hanno speso la propria vita per la lotta della Resistenza Angelo Sicilia, direttore del Museo di Pupi Antimafia e autorore del libro “Testimonianze partigiane. I siciliani nella lotta di Liberazione”.

A breve sarà pubblicato uno speciale dedicato al Corso Avanzato e con maggiori dettagli sulle attività svolte in aula. Continua a seguirci.

Le foto:
Lotta alla mafia nel giornalismo e nei tribunali: seminario con Salvo Palazzolo e Vincenzo Gervasi (sfoglia)
Seminario sui partigiani siciliani con Angelo Sicilia (sfoglia)

Lezione nella redazione del giornale La Repubblica (sfoglia)

summer 15 gruppo

Summer School 2015: imparare l’italiano esplorando la Sicilia

L’italiano non si apprende solo in aula, ma anche con il contatto quotidiano con il paese di cui si vuole scoprire la lingua e la cultura. Lo sanno bene gli studenti della Summer School 2015, giunti da tutto il mondo per seguire il corso intensivo estivo.
Insieme ai tutor e ai docenti, hanno esplorato alcuni dei luoghi più belli di Palermo e della Sicilia.
Vi proponiamo alcuni album ricchi di loro foto – ricordo da loro scattate e che hanno voluto condividere con la Scuola.

Alla scoperta di Villa Giulia (sfoglia…)
Gita a Mazara del Vallo (sfoglia…)
Pausa al Foro Italico (sfoglia…)
Passeggiata nel centro storico di Palermo (sfoglia…)

studenti stranieri

SEMINARI PER STUDENTI STRANIERI CON GIORNALISTI, AVVOCATI E SCRITTORI

Il 19 e il 21 agosto studenti cinesi, giapponesi, egiziani, indonesiani, svizzeri, inglesi, polacchi e francesi della Summer School 2015 incontreranno Salvo Palazzolo, giornalista de La Repubblica Palermo, Vincenzo Gervasi, avvocato di parte civile nei più importanti processi di vittime della mafia, e Angelo Sicilia, scrittore del volume che raccoglie più di 60 testimonianze di lotta nazifascista ad opera di siciliani.

La lingua italiana e la cultura: in particolare la lotta alla mafia e la resistenza partigiana. Sono i temi dei tre seminari per gli studenti della Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo che saranno tenuti da Vincenzo Gervasi, Salvo Palazzolo e Angelo Sicilia. I seminari si svolgeranno il 19 e il 21 agosto all’interno del Corso speciale avanzato della Summer School 2015 al quale sono iscritti studenti provenienti dalla Cina (in particolare dalla Sichuan International Studies University di Chongqing), dal Giappone, dall’Indonesia, dal Regno Unito, dalla Francia, dalla Polonia e dalla Svizzera. Salvo Palazzolotra le più prestigiose firme del quotidiano La Repubblica, è il primo il relatore del 19 agosto. Il cronista di giudiziaria parlerà de “Il linguaggio del giornalismo e la mafia”. Un linguaggio che parte sempre da un punto: la ricerca. Perché, come spiegherà lo stesso Palazzolo, negli anni sono tante le domande a cui lui e i suoi colleghi hanno tentato di dare risposta. A seguire la lezione di Vincenzo Gervasi dal titolo “Le verità nascoste ed i depistaggi: le esperienze dell’avvocato delle famiglie di Peppino Impastato di Mario Francese e nel maxi processo”. Palazzolo e Gervasi porteranno così in aula le loro esperienze personali: da un lato la vita di un giornalista da sempre in prima linea nella denuncia dei sistema mafiosi, dall’altra il vissuto all’interno delle aule dei tribunali in veste di avvocato di parte civile nei più importanti processi di vittime della mafia, come per la famiglia del militante antifascista e antimafia Peppino Impastato, del generale Dalla Chiesa e nei processi contro i boss Salvatore Riina e Leoluca Bagarella.

“Le testimonianze di resistenza contro un sistema corrotto verranno portate in aula soprattutto con l’obiettivo di scardinare quei pregiudizi che troppo spesso accompagnano agli stranieri che raggiungono Palermo e altre zone della Sicilia – spiega il direttore della Scuola, prof.ssa Mari D’Agostino – Con i seminari dedicati alla lotta alla mafia, da sempre promossi dalla Scuola , si punta a mostrare che la Sicilia è soprattutto la terra dell’antimafia. Ovviamente, il tutto in un contesto di formazione e apprendimento linguistico”.

Sempre di resistenza si parlerà il 21 agosto con il seminario di Angelo Sicilia, direttore del Museo di Pupi Antimafia che parlerà del suo libro dedicato ai partigiani dell’isola e di cui, purtroppo, si conosce troppo poco la storia. Con “I siciliani nella guerra di liberazione” si darà spazio alle più di sessanta storie vere di uomini che hanno partecipato alla lotta contro il nazifascismo. Vicende raccolte in più di dieci anni di lavoro in diverse zone della Sicilia e pubblicate in “Testimonianze partigiane. I siciliani nella lotta di Liberazione” (Navarra editore).

Gli incontri si terranno dalle 9 alle 13 nelle aule della Scuola (ex convento di Sant’Antonino) e sono curati dai docenti della Scuola Giuseppe Paternostro e Vincenzo Pinello.

Nella foto: alcuni studenti stranieri della Summer School 2015 in aula